PRODOTTI CRUELTY FREE: LE AZIENDE SCHIERATE DALLA PARTE DEGLI ANIMALI

Cari umani,

Tutti voi sapete che fino ad alcuni anni fa in Europa erano condotti esperimenti sugli animali per testare la tossicità di prodotti destinati all’industria dei cosmetici, personal care e detergenti per la casa, con test risultati molto invasivi e spesso fatali.

Ebbene dopo ventitre anni l’11 marzo 2013 è entrata in vigore in tutti i Paesi dell’Unione Europea la legge che proibisce il test di ingredienti cosmetici su animali, con divieto assoluto di vendere o importare prodotti e ingredienti cosmetici testati sugli animali, come previsto dal Regolamento Europeo 1223/2009.

L’Unione Europea non consente la vendita di prodotti non testati, ma cerca di incoraggiare l’utilizzo di test alternativi che non arrechino danni a nessun essere vivente.

E’ mia precisa intenzione parlarvi dei brand cruelty-free, per invitarvi a utilizzare solo prodotti non testati sugli animali, realizzati da aziende schierate dalla parte degli animali. Individuarli è semplice: sulle etichette è riportata la scritta cruelty-free insieme al simbolo di un coniglio zampettante tra due stelle, a garanzia che nessun animale è stato maltrattato durante la preparazione dei prodotti.

Questi prodotti, con marchi come Lush, Aveda, Bottega Verde Garnier, I provenzali, Kiko, L’erbolario, Olaplex e molti altri sono facilmente reperibili in farmacia, erboristeria, e negozi specializzati a prezzi accessibili.

Tenete presente che la legge su cruelty-free vige solo in Europa e non tutto il resto del mondo: lo stesso brand potrebbe vendere prodotti non testati su animali nell’Unione Europea, ma testare su animali i propri ingredienti e venderli al di fuori di essa.

Si chiama Radici questo originalissimo prodotto di Lush per sostenere i capelli fini, fragili e stressati con una formula naturale a base di miele, olio di oliva e oli essenziali di menta piperita, arancia dolce, neroli e pompelmo. Si massaggia dolcemente sulla cute e si tiene in posa almeno un quarto d’ora prima di lavare i capelli. Shampoo dopo shampoo, rinforza le chiome più provate, stimola la ricrescita e previene la caduta. Per info sui punti vendita www.lush.com

In questi siti troverete i marchi aderenti in maniera del tutto volontaria allo Standard Cruelty Free con prodotti che non contengono ingredienti di natura animale ma solo vegetale o sintetica: Sito della LAV – Lega antivivisezione onlus per quanto riguarda le aziende in Italia https://www.lav.it/aree-di-intervento/vivisezione/le-aziende-cruelty-free e il sito internazionale CrueltyFree International https://www.crueltyfreeinternational.org/LeapingBunny.

Per conoscere tutti i brand certificati cruelty-free  potete consultare il sito di PETA – People for the Ethical Treatment of Animals al link https://crueltyfree.peta.org/companies-dont-test/.

Spero di aver fornito sufficienti informazioni al riguardo ma ne riparleremo molto presto.

Vostro Ginger in collaborazione con Crystal

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata